Badia a Passignano

Badia S. Michele di Passignano

Agriturismi e case vacanze nella Toscana

Badia a Passignano       Badia S. Michele di Passignano
Il Monasterio Badia a Passignano, fondata da Sichelmo in 890 a Badia a Passignano in Toscana.

La Badia a Passignano sorge su un sito isolato raggiungibile con una diramazione della strada chiamata nel medioevo "strada senese del Sambuco", percorso preferenziale per Siena utilizzato dai fiorentini almeno fino al 1200. Passignano era uno dei castelli più potenti della Val di Pesa e la sua esistenza è storicamente documentata a partire dal XI°-XII° secolo, sebbene il colle ove sorge fosse sicuramente già sede di un 'guardingo' in epoca Longobarda. A differenza di tutti gli altri insediamenti fortificati dell'area, Passignano ha avuto un storia completamente diversa, tanto che oggi lo ritroviamo praticamente intatto, anche grazie a discutibili rifacimenti del secolo scorso.

La Badia, fondata nel 1049 da un seguace della riforma monastica vallombrosana, si presenta come un complesso monastico fortificato a pianta quadrangolare con torri angolari. Verso la metà del 1400 furono realizzati l'ampliamento del convento, con l'aggiunta dei chiostri, e le mura.

Nella corte, alla quale si arriva attraverso un viale di cipressi, si trovano gli edifici principali fra cui la chiesa di San Michele Arcangelo, risalente probabilmente al XIII secolo come mostrano la facciata, rivestita di filaretti di albarese, e la torre campanaria, entrambe purtroppo in gran parte rifatte . La cripta della chiesa, coperta da volticciole a crociera insistenti su quattro colonne con semplici capitelli, risale invece ad una precedente costruzione romanica.

La chiesa si presenta con un'unica navata a croce latina, ristrutturata nella seconda metà del cinquecento, e poi di nuovo all'inizio del settecento e alla metà dell'ottocento. Del 1549 è il tramezzo ligneo che divide la chiesa, opera del converso vallombrosano Michele Confetto, autore anche del coro ligneo con iscrizioni in greco e in ebraico. La Badia a Passignano infatti fu anche un centro di studi di lingue orientali. La sagrestia è della seconda metà del cinquecento.

Di fronte alla chiesa si trova il portone d'ingresso al monastero, occupato da una piccola comunità di monaci vallombrosani. Il monastero è visitabile a richiesta la domenica pomeriggio con visita guidata. Dal portone si passa in un piazzale caratterizzato da due torri e da un prospetto medievaleggianti, risultato dei rimaneggiamenti successivi al 1870, quando il complesso era una proprietà privata. Il portale in pietra è invece originale del quattrocento. Visitabili sono il refettorio, la cucina e la sala del capitolo che si apre sul chiostro.

Fuori dalle mura dell'abbazia si trova il piccolo borgo di Passignano con una casa-torre duecentesca e la chiesa di San Biagio con affreschi del XV° secolo, aperta solo per la festa del santo.

Storia della Badia a Passignano


Badia a Passignano

Aerial view of Badia a Passignano

Cliccate qui per informazioni su Tavarnelle Val di Pesa

Refectory of the abbey with a fresco by Ghirlandaio

Refectory of the abbey with a fresco by Ghirlandaio

Cliccate qui per
informazioni su Mercatale Val di Pesa

Vakantiehuizen Toscane Ferienwohnungen in der Toskana Vacation rentals in Tuscany

Badia a Passignano Info Copyright © ammonet InfoTech 2001 - 2016. All rights reserved.

Web site promotion and SEO